l'ultima rosa di aprile di Simona Bertocchi

l'ultima rosa di aprile di Simona Bertocchi
Simona Bertocchi all'isola del cinema Roma

Visualizzazioni totali

sabato 10 novembre 2012

FRIDA KHALO

         
Si può amare o odiare Frida Kahlo come accade per i personaggi complessi e sfaccettati ma Frida non era un personaggio era une persona incapace di mascherare le sue manie, le sue fragilità, la sua follia, la sua passione fatta di sangue e amore. Frida era vita che pulsa nonostante la sua esistenza sia sempre stata sfiorata dall'ombra della morte- "La vita insiste per essermi amica e il destino mio nemico", scrisse in una delle sue tante lettere.
Quelli che non conoscono Frida  non devono necessariamente leggere sue biografie: per conoscere la sua anima, è sufficiente guardare i suoi quadri.
A differenza della maggior parte degli artisti, Frida è quasi sempre la protagonista dei suoi quadri e attraverso le sue opere entriamo nei passaggi della sua vita scoprendone la forza, il coraggio, la passione, la presenza costante della morte sempre unita alla celebrazione della vita.
Dipinti di vita e di morte quindi. I suoi sono disegni primitivi, quasi naif, entrano nel particolare e lo ingigantiscono , lo rendono quasi grottesco, palpitante.


sabato 28 luglio 2012

La scrittura non ha sesso !

         La scrittura non ha sesso,  la letteratura degna di note è sia maschile, sia femminile quasi in egual misura.  Se si pensa che i testi scritti da donne iniziano ad avere popolarità  dal XVII secolo, dobbiamo ammettere di esserci riprese e con gli interessi.
Evidentemente avevamo tanto da dire !

venerdì 1 giugno 2012

LE CITTA' INVISIBILI

In base al nostro stato d’animo, cambia tutto quello che ci circonda. Per dirla alla Shakespeare " una bella giornata così brutta non l'avevo mai vista".
Basta un gioco di equilibrio tra illusione e realtà, un modo di vivere ciò che è fuori ascoltando quello che abbiamo dentro.

sabato 12 maggio 2012

Le maschere,l'umorismo pirandelliano e il legame coi Social Networks (di Simona Bertocchi)

Un personaggio, signore, può sempre chiedere ad un uomo chi è. Perché un personaggio ha veramente una vita sua, segnata di caratteri suoi, per cui è sempre “qualcuno”. Mentre un uomo – non dico lei, adesso – un uomo così in genere, può non essere “nessuno”.
(Luigi Pirandello, Sei personaggi in cerca d’autore)

La linea tra l’essere e l’apparire, tra la forma e l’essenza, tra la persona e il personaggio è il tema predominante nelle opere di Luigi Pirandello.

Pirandello visse a cavallo tra due secoli assistendo appieno alla crisi che avviene ogni volta che la storia porta si affaccia con incertezza su una nuova epoca .

sabato 31 marzo 2012

I COLTI IGNORANTI

Ci sono persone che pubblicano frasi di libri mai letti, che citano autori che non conoscono, che sfoggiano pensieri che non sono i propri, ma che vorrebbero tanto avere o si nascondono in personalità che non sono le loro. Persone che vengono subito “sgamate” perché parlano solo per aforismi e quando si chiede loro di esporre un proprio concetto o di parlare del tale autore sono visibilmente a disagio.

domenica 18 marzo 2012

SHAKESPEARE VIVE NEL TEATRO DELLA VITA di Simona Bertocchi

di Simona Bertocchi

La genialità di Shakespeare sta nel fatto che ha saputo analizzare i moti dell'anima  e del pensiero e li ha resi eterni, al di là delle epoche.  I protagonisti delle sue opere sono incredibilmente attuali, la sua continua ricerca del progresso, dell’evolversi, pur mantenendo saldi i valori e le tradizioni, lo rendono unico. Cambia il contesto, ma l’animo umano fatto di passioni, emozioni, paure, disillusioni non muta . Nei suoi personaggi è celato l’universo di ogni uomo.

domenica 15 gennaio 2012

ATTACCO A SEX AND THE CITY


Nel 1955 , l'orgoglio dei nostri registi italiani, Michelangelo Antonioni , girò il film “ Le Amiche” per farci entrare nel vero universo femminile. Prima ancora, nel 1952, ci pensò Luciano Emmer con “Le ragazze di Piazza di Spagna”  (un film intenso sulle vicissitudini di tre ragazze di borgata).
Altro che Sex and the City !
Con questa frase già so che mi farò tante nemiche.